Saturday, December 8, 2012

Mamiya Super 23, la numero 50!!!

Dopo aver giustiziato il corriere SDA, è finalmente giunta tra le mie mani la Mamiya di cui vi parlavo nei post precedenti. Ho quindi raggiunto la meta delle 50 macchine fotografiche nella mia collezione...eehhhh son soddisfazioni. Saltiamo i convenevoli e veniamo subito al dunque.

La Mamiya in questione è il modello Super 23, in produzione dal 1967 al 1969. E' la versione successiva alla Press 23 e si differenzia da quest'ultima per un design rinnovato del corpo macchina, un viewfinder più grande, ma soprattutto per l'aggiunta di un meccanismo posteriore basculante! Il modello che ho acquistato io è funzionante al 100% (è stata revisionata completamente appena due mesi fa). Esteticamente presenta qualche segno d'uso e qualche leggera ammaccatura qua e la (...con più di quarant'anni di vita alle spalle è anche comprensibile!). L'obiettivo è un 100mm Sekor f3,5 con schema Tessar e otturatore di tipo centrale Sekosha (esiste anche il 100mm f2,8 tipo Planar, ma è molto raro e di sicuro non economico, nonostante sia qualitativamente superiore). Come accessori ho un handgrip (versione ruotabile) con scatto remoto, un dorso 6x7 e un dorso 6x9 entrambi per il formato 120/220, e infine un dorso con ground glass e un vano per ospitare cartucce con pellicole piane.

Ecco una foto...bella eh? eh? eh?

La macchina ha dimensioni veramente importanti, l'Hasselblad in confronto sembra una compattina! Anche per quanto riguarda il peso si difende parecchio bene, toccando 1,9 kg...sento già i cervicali che si lamentano... :)
Non ho ancora scattato fotografie, ma dai piccoli test che ho fatto, posso dire che:

-Il telemetro non è per niente male! Non amo molto le macchine con questo sistema di messa a fuoco, ma con la Super 23 mi sono abituato subito, grazie anche al viewfinder veramente enorme! Sembra sia stato fatto tutto oversized! Parlando ancora del telemetro, quest'ultimo funziona soltanto se "accoppiato" con l'obiettivo. Nel retro del corpo macchina c'è un selettore per impostare la lunghezza focale dell'obiettivo che stiamo utilizzando. Purtroppo ci sono solo tre regolazioni: 100mm, 150mm e 250mm. Con tutti gli altri tipi di obiettivi non potrà essere utilizzato il telemetro per la messa a fuoco, ma ci sarà bisogno di un mirino esterno, o del dorso con ground glass.

-Il dorso basculante è veramente affascinante! Grazie a questo saremo in grado di ottenere dei close-up, effettuare correzioni di prospettiva, effetti di tilt & shift o messa a fuoco selettiva! Ovviamente, andando ad utilizzare il sistema basculante andremo a modificare la lunghezza focale e perderemo nuovamente l'accoppiamento con il telemetro, rendendo indispensabile l'uso del dorso con ground glass (e di conseguenza anche di un cavalletto).
Ecco tre foto scattate "al volo" del sistema basculante:





-L'handgrip con scatto remoto non è male, ma sinceramente ho trovato un pò scomodo il pulsante di scatto. Ha un pò troppa corsa e se non si fa attenzione si rischia di "piegare" leggermente la macchina e modificare quindi l'inquadratura in fase di scatto. Ho trovato molto più efficace il tasto di scatto presente sull'obiettivo, molto "morbido" e facilmente raggiungibile.

Concludendo questa breve descrizione, posso dire di essere veramente soddisfatto dell'acquisto. Non vedo l'ora di provare gli effetti del sistema basculante, e devo dire di essere parecchio affascinato dal formato 6x9 su rullino 120. Ho già montato un rullo di Fuji Provia 100F...
Post a Comment