Friday, April 26, 2013

Giappone 2013: arrivo a Fukuoka e prima giornata a Nagasaki!

Bene, anche quest'anno mi ritrovo a scrivere un resoconto di viaggio, e anche quest'anno devo fare dei ringraziamenti prima di cominciare.
Un grazie va a Jvonne, di ViaggiGiovani, che ha prenotato voli, hotel e Japan Rail Pass (più assicurazione medica e bagaglio) con una professionalità che raramente ho visto! Se dovete fare un viaggio e non vi va di organizzare tutto da soli, rivolgetevi a ViaggiGiovani, ne resterete sicuramente soddisfatti!
A questo punto spezzo una lancia anche in favore di Alitalia. Spesso mi è capitato di sentire pareri ache molto negativi sulla nostra compagnia di bandiera, ma personalmente, devo ammettere che i voli di andata e ritorno sono stati entrambi piacevoli. Quello di andata soprattutto, con hostess e stewart molto gentili e simpatici, che intrattenevano i passeggeri anche con qualche battutina scherzosa. In entrambi i casi gli aerei sono atterrati in anticipo (se non ricordo male, all'andata erano più di 20 minuti), cosa che fa sempre piacere.
Ovviamente ringrazio anche i miei due compagni di viaggio, Michele e Christian (che sono venuti con me in Giappone anche l'anno scorso) e tutti i giapponesi che ho conosciuto (grazie ai contatti di Christian), con i quali ci siamo divertiti molto. Devo ammettere che, nonostante alcuni problemi di comprensione dovuti al mix di lingue (inglese, italiano e giapponese) siamo riusciti a "capirci" senza problemi. A volte le barriere linguistiche sembrano insormontabili e invece...tutta scena :)

Ah, mi stavo quasi dimenticando di ringraziare anche Nicola Cassanello, se siete amanti del Giappone probabilmente lo conoscerete già, altrimenti vi invito seriamente a dare uno sguardo al suo blog e alla sua pagina Facebook. Grazie a lui ho scoperto e acquistato una scheda SIM dati, che mi è tornata veramente molto utile in Giappone per controllare orari dei treni, mete turistiche, mappe e quant'altro. Se vi interessa, la scheda in questione è acquistabile direttamente su internet sul sito bmobile. Una volta acquistata potete decidere se farla recapitare all'aeroporto di destinazione o direttamente in albergo, come ho fatto io. Veramente comodissimo!!!

Ora iniziamo a parlare del viaggio vero e proprio. In questo post racchiuderò i primi due giorni, visto che il primo è stato utilizzato quasi interamente per il viaggio. Siamo partiti infatti da Milano Malpensa, con destinazione finale la città di Fukuoka. Le prime 12 ore le abbiamo passate in volo e, una volta atterrati all'aeroporto di Tokyo Narita, abbiamo dovuto fare una coda non indifferente per fare il Japan Rail Pass. L'abbonamento in questione, che permette di utilizzare i treni della Japan Railways (che noi abbiamo ordinato con durata 14 giorni) è veramente utile e permette di risparmiare tantissimo se si ha intenzione di viaggiare molto in treno. Una volta ordinato, viene spedito a casa un coupon da cambiare direttamente in aeroporto (all'ufficio JR) con l'abbonamento vero e proprio, da mostrare di volta in volta ai controllori. Dopo aver perso circa un ora per farci dare il Pass, abbiamo prenotato i treni per andare fino a Fukuoka. 


Totale km. 1264, altre sette ore di viaggio, e cambi a Shinagawa e Osaka. Morale della favola, siamo arrivati a Fukuoka alle 19:30 senza riuscire a fare praticamente nulla, a parte una bella mangiata e una sacrosanta mega doccia!

Dopo una dormita con leggera scossettina di terremoto durante la notte, l'iphone ci ha svegliati alle 6:30 (se ricordo bene) di mattina. Come da programma abbiamo preso un treno espresso e dopo circa due ore di viaggio siamo arrivati a Nagasaki. Il primo impatto con la città è stato piacevole e il tempo era buono (nonostante un pò di vento, che ci ha accompagnati praticamente per tutto il nostro viaggio, tipo nuvola di fantozzi). Ci siamo orientati subito senza problemi e dopo 5 minuti eravamo già a bordo di un tram, mezzo più utile per gli spostamenti all'interno della città (dal costo irrisorio di 120 yen a corsa, indipendentemente dalla distanza percorsa). Dopo qualche fermata siamo scesi a Matsuyama-machi per raggiungere a piedi il parco della pace.


Come a Hiroshima, anche all'interno di questo parco ci sono vari monumenti a ricordo del tragico giorno in cui esplose la bomba atomica. Ecco alcune foto...











Nelle due foto seguenti potete vedere un "costone" dell'ingresso di una chiesa cattolica, l'unico pezzo dell'intero edificio rimasto in piedi...



Un petalo di ciliegio si posa proprio su una lastra in marmo che indica il livello del terreno al momento dell'esplosione,  in seguito bonificato e credo anche ricoperto con un altro strato proveniente da un'altra zona.



Dopo la visita al parco, e al museo della bomba, all'interno del quale ho preferito non scattare fotografie, abbiamo ripreso il tram e siamo ritornati verso la zona centrale della città, per vedere il tempio shintoista Suwa, costruito nel 1614 con lo scopo di riconvertire i fedeli che in quella zona avevano scelto di seguire la religione cristiana. Per raggiungere il tempio, situato sulla cima di una collina, bisogna percorrere una gradinata di 277 scalini. Ecco alcune foto.












Una volta finita la visita al tempio, ci siamo diretti verso il famoso ponte Meganebashi, il più famoso dei ponti di Nagasaki, interamente costruito in pietra, nel 1600. 





Sempre in quella zona abbiamo poi visitato altri due templi, il Sofukuji e il Kofukuji, entrambi appartenenti alla religione buddista, di stampo cinese.



Dopo i templi, visto che il nostro tempo a disposizione era ancora parecchio, abbiamo deciso di andare sulla cima del monte Inasa, dal quale si può ammirare tutta la città.
Abbiamo quindi ripreso il tram, ci siamo fatti una camminata di 10 minuti, ed infine siamo saliti sulla cima del monte con la funivia. Ecco alcune immagini scattate da un osservatorio.




Una volta scesi, siamo ritornati nella zona della stazione centrale per incontrare due giapponesi, che ci hanno portato a mangiare dei gustosi yakitori, con le quali abbiamo scambiato qualche opinione e qualche risata. Alle ore 21:00 circa, abbiamo ripreso il treno verso Fukuoka. Doccia, sveglia puntata per il giorno successivo...e a nanna :)

Bene, ecco concluso il resoconto dei primi due giorni. Quest'anno farò anche un piccolo esperimento per coinvolgere anche voi lettori (pochi ma buoni :)). Alla fine di ogni post inserirò quello che secondo me è stato lo scatto più bello della giornata. Sarete poi voi a confermare la mia scelta, o dare un vostro parere su quella che considerate la foto migliore.

Di queste prime due giornate, la foto che preferisco è questa:


Voi che ne pensate?

...a presto!

Post a Comment