Tuesday, May 8, 2012

Giappone - day 5 - Hiroshima e Miyajima

Il Giappone è un paese che sa dare emozioni forti, di qualsiasi genere, e proprio per questo, la mattina del day 5, da Kyoto prendiamo lo shinkansen per andare ad Hiroshima. Non sto neanche qui a dire per quale motivo la città sia diventata "famosa" perché lo sanno tutti. La prima tappa è il bomb dome, l'unico edificio rimasto in piedi (o quasi) dopo lo scoppio della bomba atomica.

Ecco alune foto



A questo punto, non resta altro da fare che andare anche al museo della bomba. Attraversiamo quindi il parco della pace ed entriamo nel museo. Anche qui, vi risparmio quello che ho visto, ma vi assicuro che vedere dal vivo il museo, è completamente diverso che vederlo in tv. Probabilmente perché nel nostro inconscio tendiamo a recepire come finzione quello che vediamo sullo schermo, o non riusciamo a dargli il giusto valore.

Ecco intanto due scatti che ho realizzato all'interno del museo. Non ho voluto pubblicare le cose più brutte, quelle bisogna vederle di persona per capire!

una macchina fotografica Ricoh

 alcuni degli origami confezionati da Sadako

 il parco della pace visto da una finestra del museo

 questo dovrebbe essere un monumento ai caduti

Bene, ora quelli che seguono il blog già da un pò di tempo sapranno che ad Hiroshima avevo una specie di missione da compiere, portare 1000 origami (fatti in circa due mesi di lavoro) al monumento della pace. Chi non sa la storia può andare, anzi deve andare a leggere questo POST!!!

Con il "grappolo" di origami in mano, compilo il modulo grazie al quale mi verrà spedito a casa un certificato con il mio nome e cognome da conservare come prova del fatto che ho "donato" gli origami. Credo che ne farò un quadro e lo conserverò come un'opera d'arte!


 Una volta compilato il modulo, appendo i mille origami assieme a tutti gli altri. Mi sono fatto anche filmare, poi a tempo debito farò un post dedicato.


questo è il monumento dedicato a Sadako

altro scatto del bomb dome, sulla strada del ritorno

Chiusa la parentesi Hiroshima, ci avviamo in treno prima, e in traghetto poi, verso l'isola di Miyajima, famosissima per il Torii gigante sull'acqua. Anche qui sono presenti cervi, come a Nara, ma con la differenza che qui sono selvatici, e un pò più cattivelli e affamati!

due pescatrici di...ehmmm, non mi ricordo di cosa, ma credo molluschi


 ecco i cervi di Miyajima

 Ecco il grande Torii di Miyajima. Dovete sapere che questo Torii costruito sull'acqua, è raggiungibile ovviamente in barca quando c'è alta marea, ma durante le ora di bassa marea, ci si può arrivare anche a piedi, visto che le acque si ritirano e lasciano scoperta una striscia di terra piuttosto grande. Purtroppo quando siamo arrivati noi il Torii era in fase di restauro, quindi le foto non sono venute un granchè, vista la massiccia presenza di impalcature...






La sera, dopo essere tornati a Kyoto, decido di salire sulla Kyoto Tower per fare qualche scatto in notturna. Fortunatamente riesco a salire proprio con l'ultimo gruppo di persone. Ecco due scatti di Kyoto vista dall'alto. Ovviamente non ci sono molti grattacieli, per quelli bisogna andare a Tokyo.



Eccoci arrivati alla fine della giornata. Nel day 6, l'ultimo a Kyoto, il programma dice: visita al Fushimi Inari, e appostamento a Gion per fare qualche scatto ad una geisha. Restate sintonizzati :)


Post a Comment